Sulle tracce di Jennifer Lawrence: la giovane Thomasin McKenzie si candida a essere la nuova scoperta di Hollywood

- Google+
13
Sulle tracce di Jennifer Lawrence: la giovane Thomasin McKenzie si candida a essere la nuova scoperta di Hollywood

È una delle attrici più famose, richieste e pagate di Hollywood, ha un vinto un Oscar e nonostante abbia soltanto 28 anni, non è sbagliato considerarla una vera diva. Infatti un grande brand di moda come Dior ha scelto il suo volto per affiancarlo a un nuovo profumo. Jennifer Lawrence però non sarebbe arrivata a tutto questo se non avesse dimostrato una cosa essenziale che non tutte le attrici posseggono: il talento. Nel cinema americano difficilmente si diventa grandi attori acquistando fama mondiale senza davvero essere bravi e meritevoli, ma bravura a parte sono pochi quelli che hanno quel talento innato per la recitazione.

Ora, parlando di attrici, c'è un nuovo nome da ricordare: Thomasin McKenzie. Anche il nome di Jennifer Lawrence non diceva niente nel 2010 quanto era protagonista di un film indipendente intitolato Un gelido inverno, ma se è arrivata dov'è ora deve ringraziare l'intuito di Debra Granik. La regista del film vide in lei quel talento che la portò ad ottenere subito la prima nomination all'Oscar e a spalancarle le porte di Hollywood. Con esattamente dieci anni di meno, Thomasin McKenzie sta ricalcando il percorso artistico della Lawrence. C'è un film che rivela questa diciottenne attrice neozelandese, Senza lasciare traccia, nei cinema dall'8 novembre.

Ciò che permette di azzardare questo parallelo tra le due attrici è proprio Debra Granik. È lei la regista di Senza lasciare traccia ed è dunque al suo intuito che si cementa questa convinzione. Ciò che la Granik vide in Jennifer Lawrence, l'ha visto ora in Thomasin McKenzie. Ma per toccare con mano e andare oltre la fiducia in un'autrice, è sufficiente vedere l'interpretazione della diciottenne accanto a Ben Foster nel ruolo di suo padre. Senza lasciare traccia racconta la storia di un genitore e la figlia erranti, decisi nel rifiutare ogni inquadramento sociale per vivere nei boschi contando solo su loro stessi. Il talento di Thomasin McKenzie esplode in un ritratto parsimonioso del suo personaggio, capace di esprimere tutta la potenza che la storia nasconde sotto la superficie.

Era importante che la giusta attrice per il ruolo fosse di Portland, Oregon, esattamente dove si svolge la storia. Questo è quanto credeva la Granik, anche dopo aver già visto e apprezzato il video del provino della McKenzie. La regista ha dovuto ricredersi perché, nonostante fosse neozelandese e dunque agli antipodi rispetto all'Oregon statunitense, la giovane attrice ha dimostrato di avere capito il personaggio meglio di tutte le altre candidate al ruolo. Anche più esperte di lei. Nella sua breve carriera, Thomasin McKenzie ha recitato in piccoli film ai quali fa da contraltare un ruolo minore nel maestoso Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate. Ma si sa che il valore di un attore non lo fa il curriculum, bensì la sensibilità umana e questa giovane ragazza che arriva dall'altro capo del mondo, sembra averne davvero tanta.



Antonio Bracco
  • Giornalista cinematografico
  • Copywriter e autore di format TV/Web
Lascia un Commento
Schede di riferimento
Lascia un Commento
Dark Tourist (2) | Read Essay | Code Black